agricoltura

 

AGROALIMENTARE

 

I settori tradizionali della nostra economia non rappresentano soltanto il passato e il presente della nostra isola, ma possono diventare anche fonte di nuova occupazione per il futuro. Rispetto ad altre Regioni la Sardegna ha un’amplissima disponibilità di terre coltivabili e notevoli possibilità di crescita dei livelli di produzione agricole ed agroalimentari. Le nostre proposte:

  • Incoraggiare la distribuzione dei prodotti agroalimentari sardi nelle strutture alberghiere, riprendendo quel filone avviato con la legge regionale n. 1 del 2010, che prevedeva azioni concrete per la diffusione dei prodotti sardi presso le grandi catene di distribuzione, nelle scuole e in tutti i servii di ristorazione collettiva.
  • Promuovere una visione multi-funzionale, che veda realmente l’agricoltore coinvolto anche nel settore turistico come produttore del bene che arriva nelle tavole dei visitatori.
  • Creare un’unica cooperativa di secondo grado, con il sostegno della SFIRS, che unisca tutte le cooperative di produttori al fine di superare una volta per tutte la guerra dei prezzi sul pecorino e mettere al riparo chi produce da logiche che mettono in ginocchio le aziende. In questo modo, con un unico manager, si potrebbe coordinare la vendita del prodotto e metterla al riparo dalle speculazioni, liberando le famiglie dalle trattative che le costringono a svendere il frutto del loro lavoro per non soccombere.
  • Creare una sistema promozionale che si innesti nella rete delle Cortes Apertas e delle numerosissime sagre, mettendo al centro la qualità dei prodotti della nostra terra.